Trasformare la MTB in monocorona senza spendere un patrimonio – Aggiornamento 16/11/2016

La questione l’avevamo già affrontata affrontata nei mesi passati in un articolo che trovate a questo link CLICCA QUI e che vi consigliamo di leggere prima di proseguire visto che ciò che illustriamo tra un po è un approfondimento della situazione.

In questi mesi il mercato ha presentato delle novità e si sono aperte nuove strade, la domanda però rimane sempre la stessa: “esiste un modo economico per poter ammodernare la bici senza spendere una fortuna?”

Riassumiamo un attimo l’articolo precedente  ove si erano analizzate le varie ipotesi che dovevano portare l’utente ad effettuare una scelta e a trovare un compromesso perchè i pacchi pignoni che si trovavano in commercio avevano un range fisso con una corona finale standard 42 denti..  Qui si aprivano 2 strade:

  • Perdere qualcosa nello sviluppo metrico in allungo (marcia più dura) – Montare una corona del 28 penalizzando anche l’estetica
  • Perdere qualcosa nello sviluppo metrico più corto (marcia più morbida) – Montare una corona del 30 con il rischio di non riuscire a pedalarla sulle salite più dure

Da poco tempo però la sunrace ha presentato sul mercato quest’oggetto che sembra veramente interessante

1 2

Un pacco pignoni 11V con range da 11-46 con attacco standard shimano a meno di 70 €uro!!!!

Questo risolve i problemi del range dei rapporti che avevamo illustrato nel precedente articolo ma comporta anche che occorre sostituire alcuni componenti per passare dal 10 V all’ 11V (Deragliatore, Manettino, catena ecc..)

Cercando di rimanere in tema con l’articolo “senza spendere un patrimonio” noi l’abbiamo risolta così:

  • Deragliatore – Abbiamo scelto uno sram Nx 11 V al costo di circa 60 €uro 3
  • Manettino – Abbiamo scelto uno sram Nx 11 V al costo di circa 20 €uro 4
  • Catena – Abbiamo scelto uno sram Nx 11 V al costo di circa 12 €uro5
  • Corona anteriore da 30 denti circa 40 €uro

Totale dell’intero Kit 202,00 €uro

Il montaggio è abbastanza facile e veloce, le regolazioni semplici, noi lo stiamo testando da qualche mese su un paio dei bici e non ha dato alcun problema ne alcuna rogna.

L’unica cosa che abbiamo potuto riscontrare è che (come gran parte dei monocorona) se si insiste a pedalare all’indietro, dopo alcuni giri di pedale la catena tende a scendere di pignone ma direi che questo è un problema comune e trascurabile.

Nell’installazione non va cambiato sul mozzo il corpetto portapignoni  e non c’è’ bisogno del dash paracorona ma ATTENZIONE – Non tutti i telai delle mtb sono progettati per ospitare cambi a 11V e lo stesso vale per i corpetti specialmente se di bici con più di 3/5 anni di età. Prima di avventuravi nell’acquisto informatevi dal rivenditore della vostra bici.




Confrontiamo ora la nostra proposta con le altre ipotesi possibili

(La velocità di allungo è stata calcolata con una pedalata pari a 100 giri al minuto)

8

Come potete vedere dalla tabella questa configurazione è la migliore tra le soluzioni ad oggi in commercio e consente di migliorare la pedalabilità in salita senza perdere velocità in allungo.

La spesa inoltre è molto abbordabile, ben lontana dai più famosi kit Sram/Shimano..

Siete pronti allora per portare la vostra mountainbike a un altro livello??

  171 comments for “Trasformare la MTB in monocorona senza spendere un patrimonio – Aggiornamento 16/11/2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *